PORTAL
NEWS & ACTUALITÈ
PANORAMA
CRONACA
FORUM
SANT ENEA
BIBLIOTECA
PROGETTI
cronaca

AENEAS Report

of happenings in association life

 

COLLOQUIO EUROPEO “AENEAS“

 

Borsa di studio e soggiorno per postdottorandi a Sant’Enea (Toscana)

“Élaborons, ensemble, de nouvelles manières de vivre et d’exister ensemble! ” (Michel Serres. Discorso tenuto nel 2012 a Colonia in occasione del conferimento del premio Meister-Eckhart).


Perché una borsa di studio europea?
La cultura europea, come quasi tutte le culture del mondo odierno, corre il rischio di perdere, nel processo di globalizzazione, la sua specificità e le sue peculiarità. A causa delle spinte verso trasformazioni livellanti che investono la nostra esistenza, essa è minacciata, come disse Foucault riguardo all’uomo europeo, “di scomparire come le tracce di un disegno di un volto sulla sabbia in riva al mare”. La crisi che incombe sull’Europa non può essere semplicemente ricondotta alle debolezze o alla perversità del sistema economico o finanziario o al loro scontro reciproco. Essa è piuttosto l’espressione di una evoluzione mancata della politica, consistente nella riduzione della “cura” sociale all’”homo oeconomicus”.

Molti vedono la causa scatenante la crisi europea, nella frammentazione sociopolitica che impedisce all’Europa di imporsi in maniera strategica contro le grandi potenze globali del mondo americano e asiatico. Noi, al contrario, crediamo che la “sintopica” cultura europea, la molteplice e variegata ricchezza delle sue peculiarità nazionali che si concreta in differenti prospettive di senso, esperienze, sistemi di valori e modalità di conoscenza reciproca, non rappresentino affatto un ostacolo per un “empowerment” europeo. Esse possono anzi offrire all’Europa l’occasione di cristallizzarsi politicamente in una forte unicità multiculturale, che nel processo di globalizzazione e omologazione dell’uomo afferma i propri valori e modi di vivere.

Qualora si riuscisse a coniugare lo storico radicamento nella forza del particolare con l’universale delle “lumières euopéennes”, allora potrebbe nascere uno speciale ordre public europeo per una “politica dell’amicizia” (definizione di Derrida), per una politica che si interessi dell’”homo culturalis” che, anche in condizioni di ristrettezze economiche, non tradisce mai l’umanità. In ciò consisterebbe la risposta alla sfida dello strapotere di un pensiero economico unidimensionale, e la resistenza all’universale impoverimento di grandi parti di popolazione.

Plasmare insieme e secondo questi criteri il futuro europeo, presuppone non soltanto un’analisi della situazione attuale, delle sue potenzialità e dei suoi pericoli, ma necessita di un “dialogo accademico” degli europei sull’origine e sulla possibilità di rimettere in moto le specifiche e particolari forze creative dei propri paesi. Quelle stesse forze che, nel corso della storia europea, si sono sviluppate nel confronto vivace e competitivo con la diversità dell’altro e nella differenza fra il particolare e l’universale.

Insieme con Hölderlin possiamo confidare nel fatto che nella crisi, nel pericolo ”anche ciò che ci salva cresce”, allorché il sapere di “ciò che ci salva” venga ammesso all’istruzione e formazione dei cittadini europei – così come una volta, nel Quattrocento, quando in Toscana, nella Firenze dei Medici, il pensiero greco del “buono, giusto e saggio” fu accolto nella res publica e consentì all’Europa di prosperare.


Finalità della borsa di studio

La borsa vorrebbe avviare un comune dialogo accademico dei cittadini europei sul loro futuro. A questo scopo inviterà giovani filosofi e studiosi (postdottorandi), provenienti dai paesi europei, a un comune soggiorno di studio (workshop) a Sant’Enea con lo scopo:

 in lavoro di gruppo multinationale
 in un'analisi comparatista delle diverse culture e tradizioni d'Europa
 studiare sulle possibilità di un comune “ordre public” per una futura “res publica europea”, il cui modello non sia l’”homo oeconomicus”.

La borsa di studio offre agli studiosi invitati la possibilità di indagare insieme le condizioni sociali e normative, le idee guida e le forze produttive necessarie, in considerazione del progressivo mutamento tecnologico e antropologico, affinché l’Europa futura, sviluppando la sua tradizione, possa ritrovarsi in una costituzione comune. Essa dovrà proteggere il cittadino dalla progressiva e organizzata privazione dei sui dirit in favore di una tutela totale a opera dei poteri economico-politiche, e promuovere la sua partecipazione ai processo decisionale politico sulla base di un patto repubblicano di solidarietà.

All’ambito di ricerca politico-culturale “Res Publica Europa” appartengono temi come:

 identità nazionale e solidarietà europea;
 cultura delle differenze: il mondo mediterraneo e quello protestante; 
 neoliberalismo e socialismo: esiste per l’Europa una terza via?
 l’influsso di comportamenti/atteggiamenti culturali e mentalità nell’organizzazione politica e nello stile politico;
 identità nazionale e migrazione;
 identità europea – “sintopie”: il particolare e l’universale;
 valori comuni delle culture europee: valori dell’illuminismo – valori delle religioni;
 la posizione dell’Europa nella globalizzazione;
 una costruzione durevole dell’Europa è realizzabile solo sulla base di una matrice economica?

Luogo e durata del soggiorno

Luogo della borsa di studio è Sant’Enea, un gruppo di cinque case contadine del XII secolo, poste su di una dolce catena di colline della Val di Chio, con piantagioni di olivi, vigneti, boschetti di cipressi e molte piazze e terrazze ombreggiate. Situato in Toscana fra Arezzo e Cortona, questo borgo è luogo d’incontro del circolo di amici AENEAS che qui, in estate, organizza convegni, seminari, soggiorni di studio e feste. Uno dei nuclei di Sant’Enea è la Biblioteca VIRGILIO, fondata da alcuni membri del circolo di amici, e che dispone di libri, CD, DVD e video. Molti dei libri provengono dagli stessi autori che hanno soggiornato a Sant’Enea, e che si sentono legati a quei valori che potrebbero rappresentare la base di una “politica dell’amicizia” (Derrida) europea.
Il soggiorno per i borsisti è possibile nei mesi di maggio e giugno e di norma ha una durata di 4-6 settimane. Il numero dei borsisti non deve superare le 5 unità per stagione.

La borsa offre:

 soggiorno gratuito in appartamenti costituiti da camera da letto, soggiorno, cucina e bagno;
 partecipazione alla vita della comunità: cena comune preparata insieme dai borsisti;
 lavoro, sia nella biblioteca “Virgilio” sia online– grazie al collegamento internet –, utilizzando i siti delle biblioteche delle diverse università in Italia, Francia e Germania; 
 pubblicazione dei testi elaborati; si cercherà un editore “europeo” ; 
 partecipazione al FORUM-ENEA: come conclusione della borsa di studio si terranno, nel palazzo comunale di Castiglion Fiorentino, una conferenza e una discussione pubblica serale su di un tema dell’ambito “res publica europea”.

La borsa copre le spese di soggiorno, la colazione, la cena comune e il consumo dei prodotti di Sant’Enea: olio di oliva e vino.
Non è prevista la copertura delle spese di viaggio. Si cercherà tuttavia, mediante trattative con le università e gli istituti accademici dei postdottorandi, di rimborsarle almeno parzialmente. La disponibilità finanziaria sarà maggiore se si riuscirà a coinvolgere nel progetto l’Unione Europea.

Il gruppo dei consulenti accademici

Il lavoro dei borsisti sarà coadiuvato da un gruppo di consulenti accademici, formato da professori universitari che:

 proporrà e sceglierà i borsisti;
 prenderà contatti con università e istituti, i quali abbiano interesse a che i loro postdottorandi ricevano la borsa di studio; 
 definirà e stabilirà i temi per i gruppi di lavoro dei borsisti;
 rilascerà un certificato di partecipazione al workshop;
 prenderà parte con un proprio contributo, all’AENEAS-Forum aperto al pubblico.



Résolution des citoyens  fondateurs de la Commune Libre de Sant Enea à l'occasion de l'Assemblée 2007:

 

L’assemblée du 10 Aout 2007 qui a montré la vitalité de la Comune Libero di Sant Eneas, a aussi mis en évidence une particularité de son fonctionement et l’oublie ou le manque du savoir ce qui soit son idée fondatrice dont le sens « républicain » n`est pas un « game », mais un « jeu »,  qui veut faire danser les signifants.  Les phènomènes du malentendu dans l’assemblée se raménent á l’àbsence d’une définition du statut d’un citoyen et des tâches d’un « sindaco ».


Le «  citoyen » de la Commune Libre est l’autre d’un vacancier touristique qui consume les choses qui a louées. C’est un responsable républicain, qui s’engage pour la vie commune en faisant attention que « l’être-en-commun » fait plaisir a tout et non seulement à quelques uns et que le comportement  des citoyens nuissent ni personne ni l’équipement  du site. La consequence de cette philosphie de responsabilité  mutuelle est la nécessité de laisser à chacun qui a l’intention de venir à Sant Enea, la liberté  d’ accepter ou de refuser la « citadinaza delle Comune libero ». C’est pourquoi la « citadinanza » sera en future liée à la qualité de membre du « circolo d’amici AENEAS » qui  seul on le droit de se séjourner à Sant Enea.

Le processus  de la sélection du « maire »  a aussi laissé paraître que les fonctions et la charge habituellement du ressort d’un « sindaco » ne peuvent être accomplie que par quelqu’un présent toute l’année sur le lieu, et elle sont en effet accomplie par l’equipe communal (représenté par Heidi et Peter). Les citoyen qui ne sont pas présents à la periode où le maire est élu mais arrivent posterieur pour fair part à « l’être-en-commun » de la libre République ne se sent pas représenté par quelqu’un qui est déjà partie et qu’on ne connaît pas.   Dans ces conditions le sindaco élu de Sant Enea devait etre un membre de l’équipe communal toujours présent, qui sera complété par des conseillers communals élus par l’assemblée des citoyen pour la durée de leur séjours (délégués pour la culture,pour l’information et l’animation etc.) L’avantage de ne pas négliger de cette règlement est la possibilité des plusieurs « fêtes communals » dans l’été.  


Lesung von Paul Wühr

mit anschließendem Fest zu Ehren 

seines 80sten Geburtstags 2007


Am 3. August 2007 war der Freundeskreis  Paul Wühr zu Gast beim Freundeskreis AENEAS in Sant Enea.  Vor etwa 50 Zuhörern laß Paul Wühr Gedichte  aus seinem neuen Buch < Dame Gott>. Anschließen trugen Guido Cantanelli  italienische und Serge Tisseron französische Übersetzungen dieser Dichtung  "singenden Denkens" vor . Das gab Stoff für Gespräche, auch noch  beim anschließenden Abendessen, zu dem Heidi und Peter Kienitz auf der Piazza von Sant Enea eingeladen hatten. Zur heiteren Stimmung dieser < Res Publica Poetica > trugen nicht zuletzt zwei junge italienische Musiker bei, ein Sänger und  ein Gitarrist, die bis tief in die Nacht zu Gesang und Tanz aufspielten. 
 
In der Rubrik < AENEAS BIBLIOTHECA > finden sich unter POESIA Gedichte von Paul Wühr, erschienen in Deutschland bei Hanser (Dame Gott, (2007); An und Für (2004), Venus im Pudel (2000), Salve Res Publica (!997), in Frankreich bei Edition Grèges (2006: Matière à l'autre bout l'esprit, Übersetzung Jean-René Lasalle), in Italien Übersetzungen von Riccarda Novello, in Zeitschriften (POESIA, XIV- Maggio 2001 - N 159, p. 41ff )